Comune di Vicenza

Vicenza: città patrimonio dell'Unesco

Paesaggio con arco trionfale e monumento equestre

AutoreLuca Carlevarijs
Periodo(Udine 1663 - Venezia 1730)
SupportoTela, 124x170
InventarioA 283

Al genere più consueto del paesaggio si affiancano in quest’epoca “vedute” e “capricci”. Le prime sono rappresentazioni oggettive e prospettiche che, in linea con la cultura illuminista e la moda del grand tour, hanno grande successo in Italia, soprattutto a Venezia. Con “capricci” s’intendono paesaggi in cui si rielaborano elementi reali e visionari, a volte con ruderi, che evocano il passato e sono simbolo di caducità.

In quest'opera di Carlevarijs, la folta boscaglia a sinistra crea un potente effetto scenico ed anticipa, come un sipario, l’immagine di un paese lontano, immerso nella luce soffusa del crepuscolo. L’Arco di Costantino, addossato a strutture medievali, origina un paesaggio tra il reale e il fantastico.
Un pittore, forse il Carlevarijs stesso, è intento a ritrarre l’imponente monumento equestre di chiara impronta barocca, che reca sul basamento la data dell’opera e la sigla dell’artista.

Autentico capofila del vedutismo veneziano, pittore, matematico, incisore, architetto e disegnatore, il Carlevarijs raggiunge qui l’acuto più fantasioso ed eclettico sul tema del “capriccio”.

Descrizione figurativa

Quest'olio su tela é opera di Luca Carlevarijs e rappresenta un "capriccio", cioé una composizione paesaggistica dove, accanto ad elementi reali, se ne presantano altri immaginari, spesso dei ruderi, simbolo della caducità delle cose. In questo caso, una fitta boscaglia sulla sinistra funge quasi da sipario per un paese lontano, mentre in primo piano, sulla destra, viene collocato l'Arco di Costantino, preceduto da un monumento equestre, di chiara impronta barocca, che un pittore, forse lo stesso autore, sta ritraendo. L'insieme di elementi di varia natura, reali e visionari, nonché l'accostamento di stili diversi fanno di quest'opera un capolavoro del genere "Capriccio" e dell'autore un capofila del vedutismo veneziano.

Descrizione audio

Quest'opera appartiene al percorso: