Comune di Vicenza

Vicenza: città patrimonio dell'Unesco

Vai al contenuto. Vai alla navigazione.

Contenuto.

Vai alla navigazione. Scegli un altro sito.

Paesaggio con architetture e figure

AutoreAttribuito a Clemente Spera
Periodo(Novara 1661 - Milano 1742)
SupportoTela, 94,5x131,5
InventarioA 282

Descrizione figurativa

Dopo un dibattito durato secoli, l'attribuzione di questo dipinto, passato dalla scuola romana alla mano di Marco Ricci, sembra essersi attestata sulla persona di Clemente Spera. Novarese, formatosi alla scuola lombarda e attivo collaboratore di Alessandro Magnasco, fin dall'inizio degli anni novanta del seicento. Spera e Magnasco erano soliti dividersi i compiti in alcuni dipinti: il primo dipingeva l'impianto prospettico-rovinistico mentre il secondo si occupava delle figure.
Le rovine si impongono in quest'opera in quanto, cupe e gigantesche, incombono sulle figure che animano lo spazio ai loro piedi, sorvegliate da una colossale copia dell'Ercole Farnese. Solo oltre l'arco che chiude sulla destra l'insieme delle rovine è possibile ritrovare la luce di un cielo che si va rasserenando.

Descrizione audio

Quest'opera appartiene al percorso:


Musei Civici Vicenza - Museo civico di Palazzo Chiericati, Piazza Matteotti 37/39 Vicenza - tel. (+39) 0444 222811 - museocivico@comune.vicenza.it

Torna al contenuto. Torna alla navigazione. Scegli un altro sito.