Comune di Vicenza

Vicenza: città patrimonio dell'Unesco

Continenza di Scipione

AutoreAntonio Bellucci
Periodo(Venezia 1654 - Soligo 1726)
SupportoTela, 165 x 221
InventarioA 307

L'opera appartiene ad una coppia di tele.

Consultare anche Inv. A 309

Il tema della magnanimità e della clemenza del sovrano è il filo rosso che lega le due grandi tele, concepite in pendant da Antonio Bellucci nelle fasi iniziali della sua carriera artistica.

Nel primo dipinto, l’arista raffigura una leggenda, frequente negli scritti degli storici dell’antichità, secondo cui tra i prigionieri di Scipione l’Africano, dopo che egli ebbe conquistato la città di Nuova Cartagine, vi era anche una bellissima fanciulla, già promessa sposa ad un giovane. Scipione, con nobile gesto, mandati a chiamare i suoi familiari, la liberò restituendola al futuro sposo.

Secondo quanto tramandato dagli storici, anche Alessandro Magno dimostrò la stessa benevolenza e umanità trattando con estremo riguardo la madre, la moglie e le figlie del suo rivale Dario, sconfitto dal re macedone durante la battaglia di Isso. La seconda tela, tuttavia, potrebbe anche alludere alla vicenda del generale Coriolano, esortato dai suoi familiari a rinunciare all’assedio della città di Roma, evocata forse dagli antichi edifici che fanno da sfondo alla composizione.

Le scene dipinte da Bellucci si animano grazie alla presenza di numerosi personaggi: “figure costruite con pienezza dei volumi che rinsaldano l’intera costruzione dello spazio, con forme che risplendono della luce diretta e tali da suggerire il senso di profondità nel contrasto con le parti più in ombra” (Magani).

L’artista stende il colore sulla tela ad agili pennellate, conferendo alle sue immagini una luminosità che, nel quadro raffigurante la famiglia di Dario, si fa intensa, giocata su accesi contrasti.

Sono opere di un pittore ancora legato, nel primo dipinto, alla lezione di Pietro Liberi, nel secondo, a quella di Antonio Zanchi.

Descrizione figurativa

Narra la leggenda che Scipione l'Africano, dopo la conquista di Nuova Cartagine, imbattutosi in una bellissima fanciulla e sapendola promessa sposa ad un giovane, mandasse a chiamare i familiari e la restituisse al promesso sposo. In questa tela l'artista coglie l'attimo in cui il conquistatore, il corpo avvolto da un ampio mantello rosso e quasi allungato su una sorta di scranno, restituisce la fanciulla, coperta da un cangiante abito dai riflessi dorati, in piedi alla sua sinistra, allo sposo promesso. Questi ringrazia con il capo chino e le braccia incrociate sul petto. Intorno numerosi personaggi su cui l'artista gioca con la luce in modo da creare contrasto tra luminosità ed ombra.

Descrizione audio

Quest'opera appartiene al percorso: