Comune di Vicenza

Vicenza: città patrimonio dell'Unesco

Natura morta con frutta, pappagallo e conigli (Allegoria dell’Autunno)

AutoreJacob van der Kerckhoven, detto Giacomo da Castello
Periodo(Anversa, 1637 - Venezia, 1712)
SupportoTela, 116x158,5
InventarioA 268

Si tratta di uno dei tanti esempi di quella pittura “di genere” - fatta di scene di battaglia, paesaggi, marine, architetture reali o fantastiche, capricci e nature morte - che decorava gli interni dei palazzi sei-settecentechi e che incontrava il gusto dei collezionisti privati dell’epoca.

Jacob van der Kerckhoven, annoverato tra i più noti specialisti di natura morta attivi sul territorio veneto, raffigura qui, con minuzia e precisione nella resa dei dettagli, una “cascata” di frutta e ortaggi che, partendo dall’angolo superiore destro del dipinto, scende lungo la diagonale che taglia in due la tela. L’artista dipinge i prodotti della terra tipici della stagione autunnale - grappoli d’uva, melograni e zucche -, utilizzando tonalità calde, cromie brune e rossastre, scelte con l’intenzione di rappresentare un’Allegoria dell’Autunno. La luce cristallina proveniente dalla sinistra del dipinto raggela le tinte, rendendole lucenti e vivide. La sapiente impaginazione della composizione, di ascendenza barocca, spartita in modo asimmetrico, è espressione dell’originale percezione spaziale del pittore e del suo innegabile talento.

Al di là della sua apparente semplicità, l’opera si carica di significati reconditi ed enigmatiche allusioni: vi compaiono infatti due timidi conigli e un pappagallo dallo sgargiante piumaggio, figure che simboleggiano la lussuria, mentre i frutti scelti dall’artista sono un evidente richiamo alla fertilità e alla sensualità.

Descrizione figurativa

Questa tela di Jacob van Der Kerckhoven, detto Giacomo da Castello (1637-1712) appartiene alla cosiddetta "pittura di genere", fatta di paesaggi, marine, capricci e nature morte, che decoravano i palazzi dei nobili nel sei-settecento. L'autore, un autentico specialista di natura morta, qui raffigura con straordinario realismo un'autentica "cascata" di frutta ed ortaggi, tipicamente autunnali, vale a dire grappoli d'uva, melograni e zucche, che sembrano scendere in diagonale dall'alto a destra verso il basso a sinistra. Ma non ci sono solo i frutti della terra rappresentati in questa composizione, poiché un pappagallo dallo sgargiante piumaggio sulla sinistra e due teneri coniglietti in basso a destra rimandano a significati allusivi della lussuria, mentre i frutti e gli ortaggi scelti dall'artista ricordano fertilità e sensualità.

Descrizione audio

Quest'opera appartiene al percorso: