Comune di Vicenza

Vicenza: città patrimonio dell'Unesco

Paesaggio con animali e nudo

AutoreCornelio Dusman
Periodo(Amsterdam? - Vicenza 1680 circa)
SupportoTela, 69,7x91
InventarioA 511

L'opera appartiene ad una coppia di tele.

Consultare anche Inv. A 386

I due paesaggi appartenevano in origine alla nobile vicentina Paolina Porto Godi e giunsero in Museo assieme gli altri dipinti della sua ricca collezione di opere d’arte.

Le due tele furono realizzate da Cornelio Dusman, che lavorò a Vicenza nel settimo decennio del Seicento, specializzandosi nel dipingere scene di battaglia, paesaggi e animali. I suoi soggetti erano resi con quel realismo e quel naturalismo tipici del linguaggio figurativo nordico, che l’artista seppe arricchire con le diverse suggestioni assimilate negli anni vicentini a contatto con la pittura di Francesco Maffei e di Giulio Carpioni.

Alcuni degli animali che abitano i sereni paesaggi del Museo civico, come il cane del primo dipinto e le anatre del secondo, compaiono in altri lavori eseguiti da Dusman, a testimonianza del fatto che l’artista si serviva degli stessi disegni per realizzare opere diverse. Anche il nudo, visto di spalle, compare spesso nel repertorio del pittore.

Proprio la presenza della figura virile nel secondo dipinto conferisce all’immagine significati reconditi: “il nudo che sembra sollevarsi dal sonno, osservato senza curiosità dagli animali, è un novello Adamo” (Villa).

Descrizione figurativa

Quest'opera di Cornelio Dusman (Amsterdam?- Vicenza 1680ca) appartiene ad una coppia di tele di proprietà di Paolina Porto Godi giunte al museo assieme ad altri dipinti per un suo  generoso lascito nel 1825. Viene rappresentato un paesaggio bucolico piuttosto scuro, ravvivato da animali: mucche, capre ed anatre dipinte con brillanti colori naturalistici,tipici del linguaggio figurativo nordico. In primo piano si staglia un nudo virile visto  di spalle, che sembra suggerire significati reconditi, quasi a ricordare il risveglio di un nuovo Adamo. Egli sorge in piena armonia con la natura che lo circonda ed osservato senza particolare curiosità dagli animali, attratti maggiormente dall'acqua che sgorga da una fonte posta alla sua destra e che termina in un laghetto, piuttosto che dalla sua presenza.

Descrizione audio

Quest'opera appartiene al percorso: