Comune di Vicenza

Vicenza: città patrimonio dell'Unesco

Vai al contenuto. Vai alla navigazione.

Contenuto.

Vai alla navigazione. Scegli un altro sito.

Paesaggio con ninfe pescatrici

AutorePauwels Franck, detto Paolo Fiammingo
Periodo(Anversa 1540 - Venezia 1596)
SupportoTela, 192x211,8
InventarioA 454

Straordinario esempio della sensibilità paesaggistica del pittore di origini anversesi, questo dipinto - la cui provenienza è tuttora sconosciuta - è stato riferito per la prima volta all'ambito di Paolo Fiammingo da Michael Jaffé (1957), seguita dal parere di Fiocco (1958) che lo riconosce come opera certa del maestro d’oltralpe.

Il dipinto si colloca nella tarda attività dell’autore (1590-96), cioè al momento segnato dalla preferenza quasi esclusiva per il paesaggio. Esiste anche un disegno preparatorio per questo dipinto, un foglio conservato a Verona, nella Fondazione Miniscalco Erizzo, attribuito in precedenza a Pozzoserrato. Il confronto tra il foglio e il dipinto si rivela molto puntuale, tuttavia il pittore manifesta anche in fase progettuale un fare estremamente libero e pittorico.

L’artista realizza una composizione di chiaro impianto nordico nella quale si innestano le trame pittoriche venete. Il modo di concepire il paesaggio di Paolo Fiammingo è tuttavia diverso rispetto a quello dei colleghi fiamminghi: il pittore, anche per volontà di committenti del calibro dei Fugger, è infatti legato ai temi allegorici e mitologici, è sciolto nella pennellata e meno descrittivo, inoltre la sua tavolozza è decisamente veneta, con toni caldi prevalenti, dominati da bruni, rossi e rosati.

Nonostante la componente paesaggistica sia prevalente, il soggetto non è un paesaggio puro: si individuano chiaramente le ninfe intente alla pesca nelle figure guizzanti che si scalano dal primo piano al fondo. Anche questo aspetto conferma la cronologia della tela: è in questo momento che il pittore sembra meditare sulle tematiche delle attività venatorie e della pesca, ma anche su quelle allegoriche; non è improbabile infatti che questo splendido spaccato di natura nasconda un’allegoria dell’acqua.

Descrizione figurativa

Quest'opera di Pauwels Franck, detto Paolo Fiammingo (1540-1596), presenta in un contesto tipicamente fiammingo, caratterizzato da un'esuberante natura, ritratta con grande precisione, alcune ninfe intente a pescare. Sono queste figure mitologiche, bellissime fanciulle eternamente giovani, rappresentanti dee minori legate alla natura, in particolare alla terra, al mare e all'acqua in genere ed all'aria. In questa tela, praticamente occupata da alberi, di cui due particolarmente imponenti, e corsi d'acqua, di cui uno, quello di destra, più ampio tanto da ospitare ben quattro ninfe pescatrici con la rete, l'impronta fiamminga viene contemperata da evidenti influssi veneti. La lezione del Tintoretto, di cui Franck fu allievo, si nota nello scorcio prospettico, nei movimenti improvvisi dei protsgonisti, sottolineati da tocchi leggeri e colpi di luce.

Descrizione audio

Quest'opera appartiene al percorso:


Musei Civici Vicenza - Museo civico di Palazzo Chiericati, Piazza Matteotti 37/39 Vicenza - tel. (+39) 0444 222811 - museocivico@comune.vicenza.it

Torna al contenuto. Torna alla navigazione. Scegli un altro sito.