Comune di Vicenza

Vicenza: città patrimonio dell'Unesco

Vai al contenuto. Vai alla navigazione.

Contenuto.

Vai alla navigazione. Scegli un altro sito.

Collezione di sculture romane di G.E.di Velo

Girolamo Egidio di Velo, nobile vicentino appassionato allo studio palladiano sull’antico e cultore di antichità, scavò a Roma tra il 1824 e il 1827 le terme di Caracalla.
Utilizzando un metodo di scavo "per larghi strati anziché a pozzi", tra i primi esempi della nascente archeologia moderna, mise in luce l'intera struttura termale, nonché mosaici e frammenti di statue e di decorazioni marmoree, confermando la lettura del complesso come edificio termale data da Andrea Palladio.
L’eccezionalità dello scavo procurò al di Velo grande interesse, ma anche critiche e sospetti che sfociarono in un processo per peculato. Nel 1827, dopo la favorevole conclusione del processo, i materiali rinvenuti nello scavo e 22 sculture provenienti dai magazzini delle Gallerie Pontificie furono trasportati a Velo d’Astico e in seguito donati al Municipio di Vicenza, come primo nucleo di un Museo archeologico, salvo alcuni frammenti di colonne che andarono ad ornare il monumento funebre di Palladio.
Tra i materiali esposti si notino un bel torso di satiro (o fauno?) in riposo, un mascherone di fontana in porfido, una testa femminile e una testa barbata da altorilievo, tutti riferibili al II sec. d.C., rinvenuti durante lo scavo delle terme di Caracalla, nonché le statue e le teste dell’ex Collezione dei Musei Vaticani.

 

Galleria Immagini

Archeologia Archeologia

« Precedente Successiva » Indice


Musei Civici Vicenza - Museo Naturalistico Archeologico, Contrà S. Corona, 4 Vicenza – tel. (+39) 0444 320440 – (+39) 0444 222815 - museonatarcheo@comune.vicenza.it

Torna al contenuto. Torna alla navigazione. Scegli un altro sito.