Comune di Vicenza

Vicenza: città patrimonio dell'Unesco

Vai al contenuto. Vai alla navigazione.

Contenuto.

Vai alla navigazione. Scegli un altro sito.

Madonna in trono con il Bambino tra i santi Giacomo apostolo e Girolamo

AutoreGiambattista Cima detto da Conegliano
Periodo(Conegliano 1459 circa - Venezia 1517/1518)
SupportoTela, 214x179
InventarioA 146

La tela, commissionata dai fratelli Jacopo e Girolamo Sangiovanni per la seconda cappella di sinistra della chiesa di San Bartolomeo a Vicenza, venne realizzata, dopo lunghi ed approfonditi studi e numerosi disegni preparatori, da Giambattista Cima da Conegliano a Venezia. Solo in seguito fu trasportata a Vicenza. Un cartiglio alla base del trono, reca la firma dell’artista oltre alla data 1489 e alla scritta adì primo Mazo, da intendersi come maggio.

Sapiente e calibratissima è l’impostazione spaziale della composizione, dominata da un’intelaiatura architettonica, che lascia intravedere, dietro l’alto muro, un rigoglioso giardino (forse una sorta di Eden) e che raggruppa sotto una pergola prospettica la Vergine con il Bambino ritto sulle sue ginocchia. “La figura di Maria, alta sul trono marmoreo e mestamente assorta nel presagio della passione del Figlio, posta in asse con l’accesso al giardino, si qualifica come porta del cielo e veicolo di redenzione attraverso il sangue della croce, alluso dalla vite del pergolato e dal marmo vermiglio del trono, e la promessa della resurrezione, simboleggiata dalla lucertola che si inerpica sul muro; tutto secondo il destino di morte e di salvezza scritto nel volume chiuso che trattiene in bella evidenza sul ginocchio o che san Girolamo mostra all’attenzione del riguardante, o nel libro aperto nel quale san Giacomo affonda la sua meditazione” (Avagnina). Una luce chiara filtra attraverso il pergolato e accarezza le figura enfatizzando l’aura di muta sospensione che traspare dal dipinto.

L’esatta costruzione prospettica del pergolato sovrastante il trono della Vergine si propone come un esempio della completa assimilazione della funzione dell’architettura, celebrata da Leon Battista Alberti, nell’ambito della produzione pittorica.

Quest'opera appartiene al percorso:

« Torna alla ricerca


Musei Civici Vicenza - Museo civico di Palazzo Chiericati, Piazza Matteotti 37/39 Vicenza - tel. (+39) 0444 222811 - museocivico@comune.vicenza.it

Torna al contenuto. Torna alla navigazione. Scegli un altro sito.