Comune di Vicenza

Vicenza: città patrimonio dell'Unesco

20/01/2023

"Eredità degli Egizi", conferenza con Christian Greco a Monte Berico

Sabato 28 gennaio alle 20.30 nella sala del Quadro del Santuario

Christian Greco

Christian Greco, direttore del Museo Egizio e curatore della mostra "I creatori dell'Egitto eterno" sarà ospite della serata"L'eredità degli Egizi. Tra storia e mito" che si terrà sabato 28 gennaio alle 20.30 nella sala del Quadro della Basilica di Monte Berico.
L'iniziativa è organizzata dall'associazione di promozione sociale In Arte Veneto, in collaborazione con la Comunità dei Servi di Maria di Monte Berico, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Vicenza e con il supporto dell'assessorato alla partecipazione.
La serata è concepita come approfondimento della grande mostra in Basilica palladiana dedicata all'antico Egitto in cui 180 reperti, 160 provenienti dalle collezioni del Museo Egizio e 20 dal Louvre di Parigi, racconteranno Tebe, l’odierna Luxor, e Deir el-Medina, il villaggio, fondato intorno al 1500 a.C., dove scribi, disegnatori e artigiani lavoravano per costruire e decorare le tombe dei faraoni nelle Valli dei Re e delle Regine, plasmando l’immaginario dell’antica civiltà nata sulle rive del Nilo.
La riflessione proposta sabato 28 gennaio, nell'ex refettorio conventuale, con sullo sfondo il capolavoro del Veronese di recente restaurato, porrà l’accento sulla ricchezza del lascito spirituale della cultura egizia nell’età antica, prendendo in esame alcune istanze che sopravvivono in modi diversi nella civiltà contemporanea.
Moderato dalla giornalista Nicoletta Martelletto, il confronto di carattere multifocale coinvolgerà Francesco Rucco, sindaco di Vicenza, Simona Siotto, assessore alla cultura, padre Gino Alberto Faccioli, della comunità dei Servi di Maria di Monte Berico, Chiara Visentin, presidente della Biblioteca civica Bertoliana, e Agata Keran, curatrice del Museo d’arte sacra di Monte Berico. Ciascuno dei partecipanti al dialogo offrirà un proprio focus, partendo dal proprio orizzonte di operatività e di ricerca. Intervalleranno gli interventi le letture poetiche curate da due attori, Alessia Bartolomucci e Gianrico Tondinelli.
Da Iside a Cleopatra, dalla schiavitù d’Egitto al passaggio del Mar Rosso al tempo di Mosè, dalla faraonica Valle dei Re all’interreligioso Delta del Nilo, dove nacque la Bibbia dei Settanta e si costituì la maestosa Biblioteca di Alessandria, l’universo nilotico continua a sollecitare nuove riflessioni. Ma qualcosa della forma mentis dei creatori d’Egitto, proiettata all’eternità, può ancora essere raccolto e valorizzato nelle comunità globalizzate di oggi?
Nell’arte europea spiccano soggetti e narrazioni che trovano la propria patria ideale nella terra nera e fertile dei faraoni, immaginata idealmente come luogo pieno di ricchezze d’arte e naturali e dilaniato da passioni irrefrenabili, associate in particolare al mitico volto di Cleopatra. Come non ricordare gli affreschi nel veneziano Palazzo Labia, dipinti nel XVIII secolo da Giambattista Tiepolo, che ricordano l’amore dell’ultima regina dell’antico Egitto con Marco Antonio? Filologicamente inconsistenti, queste fantasie hanno animato per secoli i salotti alla moda, lasciando un segno nell’arte, nel teatro e nella musica.
Sul piano religioso, nella cultura ebraico-cristiana esistono sostanziali e molteplici punti di tangenza con l’antico Egitto. Analizzare queste assonanze comporta un ritorno spirituale nel deserto di Tebaide, dove nacquero i presupposti del monachesimo cristiano, attraverso la contemplazione ascetica dei santi Macario, Pacomio e Antonio abate, i cui nomi risuonano familiari in un cenobio come quello di Monte Berico.
La mostra vicentina offre, dunque, una formidabile occasione per riflettere attorno a un’eredità immane spesso fraintesa, ma anche in questi “fraintendimenti” e continue riscritture comunque feconda di conseguenze culturali ad ampio raggio, in grado di mantenere un messaggio forte oltre il proprio tempo, che non cessa a essere una miniera di idee per il futuro.
L'iniziativa vede il supporto di Banca delle Terre Venete - Gruppo BCC ICCREA e dello studio legale Casa & Associati.
La serata del 28 gennaio è ad ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili .
Prenotazione obbligatoria alla email inarteveneto@gmail.com (I POSTI SONO ESAURITI DAL 21 GENNAIO)

Per informazioni
https://www.comune.vicenza.it/vicenza/eventi/evento.php/334406

Audio

Ven03

Galleria fotografica

Sala del Quadro Mostra "I creatori dell'Egitto eterno" Mostra "I creatori dell'Egitto eterno"

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Altre notizie