Comune di Vicenza

Vicenza: città patrimonio dell'Unesco

16/06/2021

Da Ponte & Friends, domenica all'Olimpico concerto dell'Orchestra del Teatro Carlo Felice

Alla scoperta del lascito del poeta, librettista, impresario e artefice della diffusione dell’opera lirica nel Nuovo Mondo

L'Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova

Domenica 20 giugno alle 21.15 il Teatro Olimpico di Vicenza, luogo emblematico della ricerca palladiana sulla classicità, dalle auree proporzioni e celebri prospettive lignee, disegnate da Vincenzo Scamozzi, è lo scenario della prima assoluta di Da Ponte & Friends, ambizioso progetto di valorizzazione del lascito dapontiano mozartiano e “oltre Mozart” ideato da Claudio Orazi, sovrintendente del Teatro Carlo Felice di Genova e del musicologo Francesco Zimei.

In scena, l’Orchestra del Teatro Carlo Felice diretta da Alvise Casellati, e i solisti Salome Jicia, soprano, Giovanni Sala, tenore, Levent Bakirci, baritono, che impersonano rispettivamente una Dama dell’aristocrazia europea prerivoluzionaria, l’Eroe romantico dell’età napoleonica, il Signorotto newyorkese primo ‘800, con la partecipazione, in veste di Da Ponte narrante, dell’attore Giampiero Judica i cui testi si appoggiano sulle memorie e gli scritti del grande librettista. La regia dello spettacolo è firmata da Paolo Gavazzeni e Piero Maranghi, con i costumi di Nicoletta Ceccolini, lighting designer è il funambolo “scrittore di luci” Mario Nanni.

Commenta l'assessore alla cultura Simona Siotto: “Nel giorno in cui festeggiando la Festa europea diamo il la alla musica in città, insieme ai nostri numerosi eventi abbiamo il piacere di ospitare un concerto prestigioso che sarà registrato e promosso, con le immagini del Teatro Olimpico di Vicenza, nel mercato mondiale”.

La serata è infatti al centro di una ripresa televisiva a cura di Classica HD, che confluirà in una produzione distribuita a livello mondiale in esclusiva da Unitel GmbH & Co.KG.

Pagine celebri, tratte da una scelta delle opere composte su libretto di Lorenzo Da Ponte su musica di Antonio Salieri (da Il ricco d’un giorno e da Axur re d’Ormus), Domenico Cimarosa (da L’ape musicale I e IV), Vincente Martín y Soler (da Il burbero di buon cuore e da Una cosa rara), Wolfgang Amadeus Mozart (da Le nozze di Figaro, da Don Giovanni, da Lo sposo deluso). E al loro fianco, altrettante di raro ascolto ma di fondamentale importanza per misurare l’ampiezza del raggio di azione di Da Ponte tra Vecchio Continente e Nuovo Mondo, su musica di Stephen Storace (da Gli equivoci), Peter Von Winter (da Zaira), Joseph Weigl (da La caffettiera bizzarra), su libretti scritti in lingua italiana. Oltre a queste, due song scritti da Da Ponte in lingua inglese, il primo su musiche di Candido Chianei (Nay, tell me not that he is mad) e l’inno Ebor Nova, la cui storia è legata alla leggendaria vicenda dello sbarco del tenore Manuel García assieme alla sua famiglia a New York. Arie, duetti, terzetti e canti, dunque, incastonati in una cornice drammaturgica originale che, come una mise-en-abyme dapontiana, invita ad un ascolto illuminato dalla consapevolezza storica, e da una punta di ironia.

“Sintetizzato dalla formula Da Ponte & Friends - racconta il sovrintendente del Teatro Carlo Felice Claudio Orazi - questo progetto mira a stabilire a partire dalla città di Genova, da cui salparono alla volta dell’America moltissimi rappresentanti della migrazione culturale italiana, e congiungendosi con Vicenza e il suo teatro, nel cuore di una terra che ha espresso generazioni di personalità rivoluzionarie per il teatro europeo, a partire da Goldoni, un circuito internazionale di città storicamente legate a Da Ponte - Venezia, Vienna, Salisburgo, Praga, Dresda, Londra, New York, Philadelphia - con le quali condividere la progressiva riscoperta dell’intero corpus delle sue opere. Con tale auspicio abbiamo concepito un programma di concerto con la partecipazione di grandi voci della lirica, in grado di compendiare le peculiarità dell’universo creativo dapontiano abbinando pagine note e inedite attraverso un sottile fil rouge narrativo, che ci condurrà alla scoperta dei personaggi che popolarono l’avventurosa vita di Lorenzo Da Ponte, dagli anni della sua ascesa alla corte di Giuseppe II fino alla frettolosa ritirata da Vienna, del suo passaggio a Londra e del suo arrivo nel 1805 a New York, dove il poeta, librettista e impresario di origini cenedesi gettò un vero e proprio ponte musicale tra vecchio continente e Nuovo Mondo che rese possibile l’ingresso, la diffusione e l’affermazione dell’opera lirica italiana negli Stati Uniti, quindi in America”.    

 

“Obbedendo alle convenzioni del repertorio - spiega il musicologo Francesco Zimei - la singolare esperienza artistica e intellettuale di Lorenzo Da Ponte (1749-1838) è oggi circoscritta presso il grande pubblico alla celebre ‘trilogia’ di drammi giocosi destinata a Wolfgang Amadeus Mozart (Le nozze di FigaroDon GiovanniCosì fan tutte), spiega Francesco Zimei. Ben poco invece si può fruire delle tante altre opere che, a scandire le tappe di una vita turbolenta, dal 1784 al 1804 ne avevano imposto il nome nei teatri di Vienna, Praga e Londra come uno dei maggiori librettisti d’Europa. E ancor meno si sapeva della nuova sfida che in seguito lo proiettò nel Nuovo Mondo, come pioniere degli studi italiani, culminati con una cattedra al Columbia College e la composizione nel 1830 di un ultimo libretto, quello del pasticcio L’ape musicale, finché il successo ottenuto tre anni fa proprio nella riesumazione di questo titolo – prima opera italiana concepita in terra d’America – con la prima esecuzione in Italia e a New York, ci ha incoraggiato a una riscoperta sistematica del Da Ponte meno noto”.

Di questo straordinario “ponte di musica” si è fatto testimone Martin Scorsese, incontrato da Claudio Orazi e Francesco Zimei in occasione della riscoperta e nuova esecuzione, a quasi duecento anni dalla prima esecuzione de L’ape musicale e dell’Oratorio for the Benefit of the Orphan Asylum, nel 2018 rispettivamente alla Low Memorial Library (Columbia University) di New York e nella St. Patrick’s Church, offrendo un suo contributo al volume Un ponte di musica (Zecchini editore, 2021) curato da Claudio Orazi, con contributi di Paolo D’Achille, Barbara Faedda, Francesco Zimei, Emanuele Senici, Marco Targa, Ignazio Macchiarella, Frank Alfieri, oltre a intervenire nel documentario su questa straordinaria riscoperta realizzato da Jonathan Mann, The Oratorio (2020), premiato al Santa Barbara International Film Festival.

Per informazioni e biglietti
https://www.tcvi.it/



Galleria fotografica

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Altre notizie