Comune di Vicenza

Vicenza: città patrimonio dell'Unesco

20/05/2021

“All’Olimpico col Pedrollo, quattro serate di musica

Da domenica 23 a mercoledì 26 maggio

Condividi su:

Con la ripresa degli spettacoli dal vivo in presenza, maggio 2021 diventa testimone del ritorno di “All’Olimpico col Pedrollo”: la terza edizione della rassegna concertistica a cura del Conservatorio di Musica di Vicenza “Arrigo Pedrollo”, ospitata - e ambientata – al Teatro Olimpico

Da domenica 23 a mercoledì 26 maggio, quattro le serate in programma, realizzate in collaborazione con l’assessorato alla cultura del Comune di Vicenza e con il supporto organizzativo della Società del Quartetto, atte ad illustrare alcuni dei tratti peculiari del Conservatorio, nonché l’abilità di docenti e allievi di fare squadra nel confezionare con le proprie forze produzioni artistiche complete.

Le date, ciascuna recante un titolo programmatico, aperto comunque a inserimenti particolari con la finalità di allargare i confini di genere, sono suddivise per aree di interesse, in un excursus di repertori che vanno dalla musica antica alla contemporanea, passando per la tradizione classica.


"Finalmente il nostro Teatro Olimpico ritorna ad ospitare concerti ed in questo caso i protagonisti saranno i giovani del conservatorio “Pedrollo”, importante istituzione musicale della città - dichiara l’assessore alla cultura Simona Siotto -. Credo che per questi ragazzi avere l’opportunità di suonare nel teatro coperto più antico al mondo, opera del grande architetto Andrea Palladio, sarà un’emozione unica, che rimarrà un significativo ricordo. Dopo tanti mesi senza la possibilità di assistere agli spettacoli dal vivo, questi concerti diventano un’opportunità non solo per i musicisti che si esibiscono ma anche per gli amanti della musica che potranno assistervi».

Gli spettacoli, tutti con inizio alle 18.30, aprono dunque il 23 maggio con “La grandezza, l’armonia, e ‘l ritmo over numero” - Monteverdi e la contesa d’amore, un viaggio evocativo nel primo Barocco condotto da canti e strumenti originali, con musiche di Claudio Monteverdi (fra cui “Il combattimento di Tancredi et Clorinda”, madrigale che è considerato uno dei capolavori della musica drammatica del XVII sec.), Dario Castello e Biagio Marini a cura dell’Ensemble vocale e strumentale del Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio. Lunedì 24 maggio andrà in scena “Forma, emozione e follia”, concerto che offre un suggestivo scorcio delle sperimentazioni musicali del Novecento e dei linguaggi della contemporaneità, intervallato da un raro contributo “operistico” beethoveniano completamente a proprio agio nel programma per inventiva ed enfasi. Musiche di: Bruno Maderna (compreso il brano “Serenata per un satellite”, simbolo della “musica aleatoria”), Ludwig van Beethoven, Pierangelo Valtinoni, Ilse Herlinger Weber (arr. Valtinoni, in prima esecuzione assoluta). Martedì 25 sarà la volta de “La chitarra olimpica”, a cura di Stefano Grondona: il mondo della chitarra classica declinato in tutti i suoi colori e ritmi, da Bach a Sollima e dall’Europa all’America latina. Sei corde che diventano un’orchestra, in duo, quartetto o esecuzione solista. Musiche di Giovanni Sollima, Mario Castelnuovo-Tedesco, Federico Moreno Torroba, Julian Arcas, Enrique Granados, Isaac Albéniz, B. Maderna, J.S. Bach, Astor Piazzolla. Si chiude mercoledì 26 con una serata dedicata ai fiati, a cura di Franco Poloni e Adalberto Ferrari: dal brillante Sestetto op. 71 di Beethoven con l’Ensemble di fiati del “Pedrollo” ai “Links Connection Shortcuts” del progetto, cangiante per natura, Weird Overlays, una sfilata di suoni che si combinano, si sommano e si inseguono in un programma che annulla i confini fra i generi. Musiche di: L.v. Beethoven, Michael Gordon, Willem Breuker, A. Ferrari, Gustav Holst. Con l’occasione si annuncia anche un concerto straordinario, idealmente collegato alla rassegna all’Olimpico, in collaborazione con l’Associazione Pigafetta500 e la Biblioteca Civica Bertoliana, gentilmente ospitato al Chiostro del Tempio di San Lorenzo a Vicenza: lunedì 31 maggio 2021, ore 18.30, “Tucto il mundo è fantasia” - La Relazione di Antonio Pigafetta specchiata nella musica del suo tempo, con l’Ensemble vocale e strumentale del Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio di Vicenza e la concertazione di Bettina Hoffmann.

 

Concerti al Teatro Olimpico

biglietto unico 5 euro

ACQUISTO IN PREVENDITA

senza diritti di prevendita aggiuntivi

Società del Quartetto

tel. 0444 543729

vicolo Cieco Retrone 24

info@quartettovicenza.org

con diritto di prevendita online sul sito

www.vivaticket.it

 

Conservatorio di Musica “Arrigo Pedrollo”

Contra’ San Domenico, 33

Vicenza

0444 507551

produzione@consvi.it

www.consvi.it

 

Società del Quartetto di Vicenza

Vicolo Cieco Retrone, 24

36100 Vicenza

dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:30 e dalle 15:00 alle 17:30

tel. 0444 543729 - fax 0444 543546

info@quartettovicenza.org - www.quartettovicenza.org

Audio

Gio07

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Altre notizie