Comune di Vicenza

Vicenza: città patrimonio dell'Unesco

Vai al contenuto. Vai alla navigazione.

Contenuto.

Vai alla navigazione. Scegli un altro sito.

24/02/2017

8 marzo, giornata internazionale della donna

Dal 2 al 24 marzo convegni, incontri, seminari, mostre, musica, teatro, preghiere, reading, solidarietà

Sono molti gli appuntamenti in programma da giovedì 2 a venerdì 24 marzo in occasione della giornata internazionale della donna (8 marzo).

Il calendario di eventi, che propone convegni, seminari, teatro, musica, mostre, incontri, momenti di preghiera, presentazioni di libri, occasioni di solidarietà, è stato illustrato questa mattina da Everardo Dal Maso, consigliere delegato alle pari opportunità.

Presentiamo oggi un programma, che di anno in anno è sempre più ricco e variegato, con ben 20 appuntamenti per celebrare la giornata della donna – ha dichiarato il consigliere delegato alle pari opportunità Everardo Dal Maso –. Dal 2 marzo sarà possibile partecipare a convegni, seminari, concerti, presentazioni di libri, mostre, spettacoli teatrali e rassegne cinematografiche, in alcuni dei quali parte del ricavato dalla vendita dei biglietti andrà a sostegno del progetto “La valigia di Caterina” realizzato dall'associazione Donna Chiama Donna che gestisce il CeAv. Proporremo, inoltre, un evento sportivo, l'allestimento di alcuni gazebo e, per la prima volta per questa occasione, alcuni esercenti applicheranno sconti o distribuiranno omaggi alle donne che l'8 marzo si presenteranno in negozio. Il nostro grazie va alle numerose associazioni ed enti che si sono prodigati per la buona riuscita dell'iniziativa oltre che alla Biblioteca Bertoliana che quest'anno, in particolare, si è dimostrata un partner prezioso e fondamentale”.

Le iniziative sono state proposte da numerosi gruppi e associazioni femminili attivi in città oltre che da associazioni sensibili alle tematiche di genere, dalla Consulta comunale per le politiche di genere, in collaborazione con l’ufficio comunale per le pari opportunità, con l'assessorato alla comunità e alle famiglie e con la Biblioteca Civica Bertoliana.

 

Programma

Giovedì 2 marzo, dalle 15 alle 19, a Palazzo Cordellina in contra’ Riale, 12 (salone al piano 2) si terrà un seminario formativo di 4 ore dal titolo “Riconoscere i manipolatori affettivi”. Interverranno Roberta Bruzzone (psicologa forense e criminologa), Maria Cristina Ciace (avvocato) e Marika Perli (psicologa e psicoterapeuta). L’iniziativa è a cura della Fondazione Tanghetti & Chiari onlus, Fidapa – BPW Italy – sezione di Vicenza e Soroptimist Club di Vicenza, con il coinvolgimento del CPO Ordine degli Avvocati. Il seminario, aperto a tutti, è a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili. Gli avvocati, ai quali saranno riconosciuti 4 crediti formativi in materia non obbligatoria, dovranno prenotarsi con il sistema Sfera, dando successiva comunicazione a: fidapavicenza@gmail.com. Gli altri partecipanti dovranno comunicare la loro adesione, indicando i propri dati anagrafici e un recapito telefonico, a fidapavicenza@gmail.com. Per ulteriori informazioni: fidapavicenza@gmail.com; soroptimist.vi.segret@gmail.com.

Venerdì 3 marzo, alle 17, al Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo, 2 si terrà la presentazione del libro di Francesco Cerchiaro “Amori e confini. Le coppie miste tra Islam, educazione dei figli e vita quotidiana”. Sarà presente l’autore. Sono previsti interventi di Luciano Carpo (Migrantes Vicenza), Mulayka Laura Enriello (Coordinamento Educazione della Coreis Comunità Religiosa Islamica italiana). L’iniziativa è a cura dell’assessorato alla comunità e alle famiglie, del Centro comunale Antiviolenza di Vicenza, dell’associazione Donna chiama Donna e di Migrantes Vicenza. L’ingresso è libero. Per informazioni: progettisociali@comune.vicenza.it.

Sabato 4 marzo, alle 20.30, al Teatro Astra in contra’ Barche 55 è prevista una serata concerto dal titolo “Una valigia per ripartire” a sostegno del progetto per le donne vittime di violenza “La valigia di Caterina”, diretto da Lorella Miotello con la partecipazione del maestro Andrea Ferrari. L’iniziativa è a cura dell’assessorato alla comunità e alle famiglie, del Centro comunale Antiviolenza di Vicenza e dell’associazione Donna chiama Donna. L’ingresso è libero, con prenotazione obbligatoria al link https://www.eventbrite.it/e/biglietti-una-valigia-per-ripartire-a-sostegno-delle-donne-vittime-di-violenza-30223245541. E’ necessario stampare e portare con sé il biglietto. Per informazioni: progettisociali@comune.vicenza.it.

Alle 21, nell’Odeo del Teatro Olimpico, andrà in scena il concerto lirico con arie e duetti d’opera dal titolo “Omaggio alla donna”. Musiche di Verdi, Puccini, Mozart, Bellini e Donizetti. Sarà un viaggio artistico attraverso i ruoli femminili nell’opera e il loro profilo psicologico. Si esibiranno Paola Burato (soprano), Federica Dalla Motta (soprano), Anna Maria di Filippo (soprano), Silvia Carta (piano), Lucia Amneris Rossi (violino). Presenta Maurizia Piva Silovich. L’iniziativa è a cura dell’associazione culturale artistica Arsamanda. Il biglietto di ingresso è di 10 euro. Per informazioni: cell. 349 8336356.

Domenica 5 marzo, alle 15.30, a Palazzo Cordellina in contra’ Riale 12 è in programma l’incontro pubblicoRaccontami la tua storia. Dialoghi a più voci con donne straniere in Italia” con letture di racconti e storie di vita di donne straniere. Dopo i saluti a cura di Everardo Dal Maso, presidente della Consulta per le Politiche di Genere del Comune di Vicenza, interverranno Daniela Finocchi (ideatrice e responsabile del concorso letterario “Lingua madre”), Valeria Mancini (scrittrice), Daniela Ion (testimonianza di una donna romena); Leyla Khalil (scrittrice). Coordinerà Adriana Chemello (Università di Padova). Saranno eseguiti i canti del coro donne ucraine "Il Sogno" (associazione Orizzonti Comuni). Con l'occasione sarà presentato un Atelier di scrittura riservato a donne straniere per incoraggiarle a raccontare le loro storie e a partecipare al concorso letterario nazionale "Lingua Madre". La partecipazione all’Atelier è gratuita, previa iscrizione. L’iniziativa è a cura di Adriana Chemello referente del Progetto “La Ragnatela”, in collaborazione con le associazioni “Femminile plurale” e “Orizzonti Comuni”, del Consiglio dei cittadini e delle cittadine stranieri di Vicenza ed il supporto della Casa per la Pace. L’ingresso è libero fino a esaurimento dei posti disponibili. Per informazioni: casaperlapace@gmail.com, cell. 348 0589118.

Da domenica 5 a sabato 11 marzo, dalle 14.30 alle 18.30 (tranne lunedì 6 marzo), Palazzo Cordellina in contra’ Riale, 12 (piano terra) ospiterà la mostra “Pilastri invisibili. Ritratti e manufatti”. L'inaugurazione è prevista per domenica 5 marzo alle 17.30. La mostra, a cura di Valeria Mancini e dell’associazione Orizzonti Comuni, espone fotografie di Linda Scuizzato sulle protagoniste del libro “Figlie a ore” di Valeria Mancini (Ed. Saecula), manufatti artigianali e creazioni artistiche di donne lavoratrici nei servizi familiari. L’iniziativa è realizzata anche grazie al sostegno dello Studio Bicego di Vicenza. L’ingresso è libero. Per informazioni: valeria.mancini1@gmail.com; orizzonticomuni1@gmail.com

Lunedì 6 marzo dalle 9.30 alle 13 all’istituto professionale B. Montagna, in via Mora 93, si terrà il convegno sul tema “Donne e salute. Un nuovo approccio alla medicina”. Le donne della Cgil e dello Spi parleranno di medicina di genere, ritenendo che le differenze legate al genere agiscono sullo stato di salute, sull’insorgenza e il decorso di molte malattie, nonché sugli outcome delle terapie. Il convegno è aperto a medici delle Ulss vicentine, amministrazioni pubbliche, associazioni, studenti e studentesse degli indirizzi scolastici socio-sanitari. Sono previsti interventi di Antonella Agnello (ginecologa, responsabile del Progetto Percorso Donna di Padova). Il convegno è a cura dei coordinamenti donne Cgil e Spi Vicenza. L’ingresso è libero. Per informazioni: segreteria@cgilvicenza.it ; tel. 0444 564844.

Alle 20.30, al Centro culturale San Paolo, in viale A. Ferrarin 30 si terrà l’incontro sul tema “Corridoi umanitari: per non morire di speranza”: i fenomeni migratori interpellano il mondo e le chiese, piccoli e grandi progetti per dare futuro alla vita. Interverrà Alessandra Trotta (diacona della chiesa metodista). L’iniziativa è a cura dell’associazione Presenza Donna in collaborazione con la Chiesa evangelica metodista di Vicenza e l’ufficio Pellegrinaggi della Diocesi di Vicenza. L’ingresso è libero. Per informazioni: info@presdonna.it.

Mercoledì 8 marzo, dalle 8 alle 18, nella Loggia del Capitaniato, in piazza dei Signori, saranno allestiti un gazebo dell'associazione Donna chiama Donna onlus, che offrirà primule gialle, ed un gazebo del Centro Culturale Islamico Ettawbavi, che offrirà the, pane arabo e dolci tradizionali. Il ricavato della raccolta fondi sarà devoluto al Centro comunale Antiviolenza di Vicenza – CeAv. L’iniziativa è a cura dell’associazione Donna Chiama Donna e del Centro Culturale Islamico Ettawbavi. Per informazioni: donnachiamadonna@gmail.com; ettawbavi@virgilio.it.

Dalle 15 alle 18, in contra’ Cavour, sarà presente un gazebo FIDAS che distribuirà materiale per sensibilizzare sull'importanza di donare il sangue. L'iniziativa è a cura dell’associazione Donatori di Sangue onlus – Fidas Vicenza. Per informazioni: tel. 0444 965636.

Alle 16.30 e, in replica, alle 21, al Teatro San Marco, in contra’ San Francesco 76, andrà in scena lo spettacolo teatrale dal titolo “Donne dimenticate: luci e ombre di una città”. Si tratta di un’opera teatrale ispirata al libro “Vicenza emozioni in cammino”, a cura dell'associazione Teatrale Città di Vicenza per la regia di Liliana Boni Baldo. Si narra di una Vicenza bellissima e altera, perfetta all’apparenza eppure contrassegnata da diverse zone d’ombra, nella quale, tra il 400 e il 900, hanno vissuto, amato, combattuto e sofferto tantissime donne, le cui storie sono a molti sconosciute. La cultura rende liberi, la conoscenza storica consapevoli, la memoria immortali. Questo è il cuore di “Vicenza. Emozioni in cammino”. Nato dalla comune passione delle autrici e dall'amore per la loro città, il progetto si è sviluppato nel corso degli ultimi due anni grazie al coinvolgimento di decine di persone, tutte legate da un forte senso di comunità. I lusinghieri risultati ottenuti dalla pubblicazione dei due volumi di percorsi vicentini e la folta partecipazione di pubblico alle passeggiate emozionali hanno convinto l’associazione teatrale “Città di Vicenza” a trasformare il testo nello spettacolo che sarà rappresentato. Il biglietto di ingresso è di 10 euro. Parte del ricavato sarà destinato al progetto “La valigia di Caterina”. Per informazioni: emozioniincammino@gmail.com; www.vicenzaemozioniincammino.it.

Alle 20, con partenza e arrivo in piazza San Lorenzo, si svolgerà l’evento sportivo, ludico - motorio Women in run “La valigia di Caterina”: un allenamento libero di 10 chilometri (corsa e/o camminata) per le vie del centro, per sostenere concretamente le donne vittime di violenza domestica, con le quali gli operatori del CeAv (Centro comunale Antiviolenza di Vicenza) hanno condiviso un progetto di autonomia ritenuto realistico e sostenibile. L’iniziativa è a cura della comunità di runner Women In Run di Vicenza. La partecipazione è a offerta libera. Il ricavato sarà devoluto alle attività del progetto “La valigia di Caterina”, realizzato dall’associazione Donna chiama Donna che gestisce il CeAv. Per informazioni: womeninrunvicenza@gmail.com, pagina Facebook WOMEN in RUN Vicenza (https://www.facebook.com/Women-in-Run-Vicenza-1539274213027210/?fref=ts).

Alle 20.30 nella chiesa di San Carlo del Villaggio del Sole, in via C. Colombo 45, si svolgerà la preghiera al femminile Con la diacona Febe, donne che custodiscono le chiese”. Interverrà Alessandra Trotta (diacona della chiesa metodista). L’iniziativa è a cura dell’associazione Presenza Donna in collaborazione con la Chiesa evangelica metodista di Vicenza e l’ufficio Pellegrinaggi della Diocesi di Vicenza. L’ingresso è libero. Per informazioni: info@presdonna.it.

Alle 20.45, nella sede operativa dell'associazione Delos, in via Cristoforo Colombo 9, (zona Villaggio del Sole – centro Quadrifoglio) si terrà l’incontro dal titolo “DDD donne di Delos”, con testimonianze femminili intervallate da originali perle musicali delle “Dal Zotto Sisters”, ospiti speciali della serata. L’incontro, a cura dell’associazione Delos, è ad ingresso libero. Per informazioni: info@delosvicenza.it.

Inoltre, sempre mercoledì 8 marzo, in occasione della festa della donna, alcuni negozianti di contra’ XX settembre e corso Padova applicheranno sconti o distribuiranno omaggi a tutte le donne che si presenteranno in negozio il giorno stesso. Gli aderenti all'iniziativa, che per l'occasione esporranno in vetrina un fiocco rosa, saranno: Solid Black tattoo (contrà XX settembre 33); Make up artist (via XX settembre 9); Pronto Moda (via XX settembre 34); Magritte cornici (contra’ Porta Padova 16); My Cashmere maglieria (contra’ Porta Padova 20); Pigiama Party (contra’ Porta Padova 76); Paola Argento (contra’ Porta Padova 98); Magaraggia Sport (contra’ Porta Padova 35); Pasticceria Bolzani (via XX settembre, via IV novembre, piazzale Giusti).

Venerdì 10 marzo, alle 18, al Polo Giovani B55, in contra’ Barche 55, si terrà la presentazione del libro di Monica Lanfranco “Parole madri, ritratti di femministe: narrazioni e visioni sul materno”, edizioni Marea 2016. Antonella Cunico dialogherà con l’autrice. L’evento, a cura dell’associazione Femminile Plurale, è a ingresso libero. Per informazioni: donne@femminileplurale.net.

Alle 20.30 al Time Cafè, in contra’ Mure Porta Nova 28, nell'ambito della rassegna “I mille volti delle donne” si terrà la proiezione di alcune sequenze del film The Help” di Tate Taylor. Introdurrà la conversazione Veronica Grillo. L’evento, a cura dell’associazione Città delle donne, è a ingresso libero. Per informazioni: cittadelledonne@gmail.com.

Mercoledì 15 e giovedì 16 marzo, dalle 14.30 alle 18.30, nella sede del Consiglio dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Vicenza, in corso SS. Felice e Fortunato 62, si terrà l’iniziativa “8 marzo…. non solo parole”. Consulenti del lavoro saranno a disposizione di tutte le donne, lavoratrici, datrici e datori di lavoro e giovani interessate a ricevere informazioni sulla tutela dei propri diritti in ambito lavorativo. L’iniziativa è aperta anche a imprenditori che desiderano conoscere gli strumenti di legge e contrattuali che consentono di rendere la prestazione del lavoro “al femminile” in modo più flessibile, garantendo comunque l’efficacia della prestazione della lavoratrice stessa. L'evento, a cura del Consiglio Provinciale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Vicenza, è a partecipazione libera su appuntamento telefonico al n. 0444 322028 (dalle 14.30 alle 18.30). Si consiglia di anticipare il quesito a mezzo e mail all’indirizzo: segreteria@consulentidellavoro.vi.it.

Venerdì 17 marzo, alle 20.30, al Time Cafè, in contra’ Mure Porta Nova 28, nell'ambito della rassegna “I mille volti delle donne” si terrà la proiezione di alcune sequenze del film Senso” di Luchino Visconti. Introdurrà la conversazione Alfeo Foletto. L’iniziativa, a cura dell’associazione Città delle donne, è a ingresso libero. Per informazioni: cittadelledonne@gmail.com.

Venerdì 24 marzo, alle 18, a Palazzo Cordellina, in contra’ Riale 12 (salone al piano 2), sarà presentato il libro di Giovanna Pastega “Il canto delle balene”. Dopo i saluti di Everardo Dal Maso, presidente della Consulta per le Politiche di Genere del Comune di Vicenza Everardo Dal Maso, interverranno Laura Zanichelli (presidente dell’associazione Donna chiama Donna) e Maria Zatti (coordinatrice del Centro comunale Antiviolenza di Vicenza). L’iniziativa è a cura dell’Ufficio Pari Opportunità del Comune di Vicenza. L’ingresso è libero. Per informazioni: pariopp@comune.vicenza.it.

Alle 20.30 al Time Cafè, in contra’ Mure Porta Nova 28, nell'ambito della rassegna “I mille volti delle donne” saranno proiettate alcune sequenze del filmOssessione” di Luchino Visconti. Introdurrà la conversazione Maria Concetta Pinto. L'iniziativa, a cura dell’associazione Città delle donne, è a ingresso libero. Per informazioni: cittadelledonne@gmail.com.


Per informazioni sulle iniziative della giornata della donna è possibile contattare l'ufficio Pari Opportunità, corso Palladio 98, tel. 0444 222162, pariopp@comune.vicenza.it.


È possibile consultare il programma completo delle iniziative per celebrare la giornata delle donne a Vicenza nel calendario eventi del Comune: http://www.comune.vicenza.it/vicenza/eventi/evento.php/167241



 

L’attività del Centro comunale Antiviolenza: 957 contatti da aprile 2012

502 i casi presi in carico: per il 50% si tratta di maltrattamento del partner

 

Da aprile 2012 sono 957 le persone, sia utenti che operatori del territorio, che si sono rivolte al Centro comunale Antiviolenza – CeAv per la richiesta di consulenza, informazioni e appuntamenti.

502 sono i casi presi in carico dal CeAv e riguardano sostanzialmente donne vittime di violenza, un dato che si allinea con quelli riportati dalle statistiche nazionali. 75 sono i casi attualmente ancora aperti,  mentre i rimanenti si sono conclusi.

Su 502 utenti in carico il 56% risiede nel Comune di Vicenza mentre il 41% nei Comuni appartenenti al distretto est dell’Ulss 8 Berica (ex Ulss 6). Per il restante 3% si tratta di utenti che risiedono fuori dal territorio ma che sono domiciliati nei Comuni di competenza e/o con situazioni di emergenza.

Il 68% dell’utenza è di nazionalità italiana mentre il 32% è straniera. 275 di loro vivono con il maltrattante mentre sono 286 le donne con figli minori.

Dal punto di vista economico quasi il 46% delle 502 persone prese in carico risulta privo di reddito al momento dell'accesso al servizio e, quindi, non indipendente economicamente.

Nella maggior parte dei casi la violenza è messa in atto dal partner convivente all’interno dello stesso nucleo familiare.

Le cause per cui le persone contattano il CeAv sono maltrattamento dal partner per il 50%, conflitti con il partner 13%, maltrattamento da parte dei familiari 8%, stalking 8%, maltrattamento da altri 4%, molestie 2%, violenza sessuale 2%. Il restante 13% si suddivide tra conflitti con i familiari, separazione, mobbing, richiesta di informazioni generali, informazioni legali, consulenze o problemi personali.

Attualmente il centro garantisce l'apertura per 30 ore settimanali con operatrici professionali e con la compresenza di volontarie qualificate dall'associazione Donna chiama Donna.

Il CeAv opera gratuitamente garantendo l'anonimato: basta telefonare al numero 0444 230402 o mandare una mail a ceav@comune.vicenza.it. Si trova in via Torino 11 ed è aperto il lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle 8.30 alle 14 e il giovedì dalle 9 alle 17.

Documenti allegati

Galleria fotografica

dalmaso_8marzo dalmaso_8marzo dalmaso_8marzo Locandina

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Altre notizie


Musei Civici Vicenza - Museo civico di Palazzo Chiericati, Piazza Matteotti 37/39 Vicenza - tel. (+39) 0444 222811 - museocivico@comune.vicenza.it

Torna al contenuto. Torna alla navigazione. Scegli un altro sito.