Comune di Vicenza

Vicenza: città patrimonio dell'Unesco

Vai al contenuto. Vai alla navigazione.

Contenuto.

Vai alla navigazione. Scegli un altro sito.

27/11/2014

Piazza delle Erbe, conclusi i lavori per la nuova rete di raccolta acque reflue

A servizio dei locali della Basilica palladiana

L'assessore Balbi e l'ingegner Galiazzo

Si sono conclusi i lavori di realizzazione della nuova rete di raccolta delle acque reflue dei locali della Basilica palladiana con affaccio su piazza delle Erbe.
L'intervento è stato eseguito entro i tempi previsti da Acque Vicentine e dalla ditta New ViEdil Srl che hanno lavorato con assiduità per concludere i lavori entro il mese di novembre.
Indispensabile è stata la collaborazione della Soprintendenza per i beni archeologici del Veneto ed in particolare delle dottoresse Mariolina Gamba e Cinzia Rossignoli che, a seguito dei ritrovamenti archeologici, hanno effettuato sopralluoghi settimanali consentendo il procedere spedito dei lavori senza ulteriori intoppi.

Siamo riusciti a concludere entro i tempi previsti i lavori per la rete di raccolta acque a servizio dei locali in Basilica palladiana, quattro in totale, due dei quali costituiranno un unico negozio, per cui sono stati necessari 70 mila euro prelevati dai fondi Prusst – ha dichiarato l'assessore alla cura urbana Cristina Balbi oggi in sopralluogo in piazza delle Erbe - . L'intervento ha fatto emergere dei ritrovamenti archeologici, già emersi in precedenti scavi e ora catalogati grazie all'intervento della Soprintendenza per i beni archeologici del Veneto”.

Questi lavori hanno reso possibile l'utilizzo effettivo dei tre negozi che verranno assegnati tramite l'avviso che si è chiuso il 17 ottobre - ha dichiarato l'assessore alle risorse economiche e alle politiche del lavoro Michela Cavalieri-. Sono pervenute tre proposte per attività enogastronomiche che stiamo gestendo in forma di trattativa privata. Maggiore interesse ha destato il negozio composto da due locali per il quale stiamo per arrivare ad un accordo. Per gli altri due negozi stiamo valutando le proposte”.

Il progetto ha avuto un costo complessivo di 70 mila euro ed è stato curato dai tecnici del settore infrastrutture, gestione urbana e protezione civile del Comune di Vicenza
I lavori sono stati realizzati per consentire lo smaltimento delle acque reflue degli ambienti posti al livello seminterrato della Basilica, con una revisione e razionalizzazione degli scarichi. Eseguiti gli opportuni accertamenti, il progetto della nuova rete di scarico ha collegato tutti gli spazi sottostanti il monumento palladiano alla rete mista esistente.
Entrambi i rami della rete prevista sono stati allacciati alla condotta principale esistente, senza l'installazione della pompa di sollevamento inizialmente prevista, con una riduzione degli interventi manutentivi futuri.
La condotta di progetto è stata realizzata parallelamente alla facciata della Basilica ad una distanza di circa 2 metri, per una lunghezza di circa 60 metri, con pozzetti di allaccio esterno nei vani seminterrati, per collegarsi successivamente con le linee di scarico delle acque nere interne di ogni singolo locale.
Con l'occasione sono stati ridefiniti anche gli allacci dei locali alla rete dell'acquedotto, sul medesimo scavo.
L’intervento ha interessato esclusivamente l'area di proprietà pubblica e, visto il contesto in cui ci si trovava a lavorare, lo scavo è stato realizzato sotto la supervisione di un archeologo incaricato dal Comune, secondo le prescrizioni dettate dalla Soprintendenza per i beni archeologici del Veneto.
Prima di effettuare lo scavo, i masegni in trachite, di cui è costituita la pavimentazione della piazza, sono stati sollevati, numerati e accatastati in modo protetto, e sono stati successivamente ricollocati nella loro posizione originaria.
Durante le lavorazioni sono stati rinvenuti dei ritrovamenti archeologici. La Soprintendenza per i beni archeologici del Veneto ha quindi indagato una piccola porzione della stratigrafia presente sotto la piazza, immediatamente a sud della Basilica Palladiana. L'area è particolarmente importante per la presenza, riconosciuta da scavi degli anni passati, di strutture ed evidenze archeologiche pertinenti all'età del Ferro, all'epoca romana ed al Medioevo.
Nel caso specifico, data la limitata profondità dell'intervento, sono stati rinvenuti i resti di strutture in muratura risalenti ad un periodo precedente la costruzione della Basilica. Si tratta di porzioni di case risalenti verosimilmente al XIII-XIV secolo, contemporanee agli importanti edifici pubblici, Palatium Vetus, Palatium Communis e Palazzo del Podestà presenti nell'area. In aggiunta, sono stati documentati i pilastri di fondazione delle logge della Basilica Palladiana e il sistema di canalizzazione delle acque reflue, realizzato attraverso condutture in mattoni e lastre di pietre che confluivano verso l'importante collettore fognario voltato situato sotto la scalinata, già noto e realizzato in epoca rinascimentale, che portava le acque verso sud, al Retrone. In un unico punto, risparmiato dal sovrapporsi delle diverse fasi strutturali descritte, è stato documentato un piccolissimo lacerto di pavimento a cocciopesto di età romana. La collaborazione operativa tra Comune e Soprintendenza ha permesso di trovare soluzioni per la posa delle tubazioni che non comportassero danneggiamenti alle strutture rinvenute.
Sono iniziati i lavori per la realizzazione di nuovi servizi igienici temporanei collocati all'interno del locale attiguo alla biglietteria che si affaccia su corte dei Bissari, all'altezza del loggiato inferiore, posizione considerata ottimale in corrispondenza ai percorsi di accesso alla grande mostra dei “Notturni” e ai tempi di realizzazione.
I nuovi servizi igienici, che costeranno 60 mila euro, andranno ad integrare quelli già esistenti al loggiato superiore considerati insufficienti per il grande afflusso turistico che si prevede ci sarà in Basilica palladiana a partire dal 24 dicembre, giorno di apertura della mostra, fino al 2 giugno. Saranno costituiti da tre bagni (uno per donne, uno per uomini e uno privo di barriere architettoniche), un antibagno e un ripostiglio con accesso esterno dal loggiato inferiore o dalla Corte dei Bissari.

 

 

 

 

Galleria fotografica

L'assessore Balbi e l'ingegner Galiazzo Due negozi Negozio composto da due locali Negozio accanto a un locale già attivo Ritrovamenti archeologici in piazza delle Erbe: basamento in mattoni della Basilica Ritrovamenti archeologici in piazza delle Erbe: condotto voltato rinascimentale Ritrovamenti archeologici in piazza delle Erbe: piccola porzione di pavimento in cocciopesto di epoca romana Ritrovamenti archeologici in piazza delle Erbe: resti del sistema di canalizzazione delle acque costruito sopra il basamento della Basilica

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Altre notizie


Musei Civici Vicenza - Museo civico di Palazzo Chiericati, Piazza Matteotti 37/39 Vicenza - tel. (+39) 0444 222811 - museocivico@comune.vicenza.it

Torna al contenuto. Torna alla navigazione. Scegli un altro sito.