Comune di Vicenza

Vicenza: città patrimonio dell'Unesco

25/09/2021

Le Gallerie di Palazzo Thiene da oggi aperte al pubblico

Oggi alle 9 si sono aperte le porte di Palazzo Thiene per far entrare i visitatori che si erano presentati per ammirare per primi l’edificio palladiano acquistato appena tre settimane fa dal Comune.
Grazie all’impegno della direzione dei Musei civici di Vicenza, ora il palazzo si può nuovamente visitare dopo anni di chiusura.
Fino alle 17 di oggi, sabato 25 settembre, l’ingresso sarà libero, gratuito e contingentato. Da domani, domenica 26 settembre, il sabato e la domenica fino al 31 dicembre si potranno ammirare gli interni ricchi di apparati decorativi e affreschi con visite guidate.

Il sindaco Francesco Rucco questa mattina si è recato a Palazzo Thiene con l’assessore alla cultura Simona Siotto e insieme, al direttore dei Musei civici Mauro Passarin, ha fatto gli onori di casa: “L’acquisto e la riapertura di Palazzo Thiene sono stati stati una scommessa difficile da vincere. Grazie all’intenso e professionale lavoro del direttore dei musei e di tutto lo staff del settore musei, in soli 20 giorni siamo riusciti a riaprire. Certamente ci sono ancora dei dettagli da migliorare, ma il palazzo risulta ben visitabile grazie anche ali interventi sull’illuminazione. Attualmente ci stiamo occupando di chiudere l’accordo con la società che segue la liquidazione dei beni della Banca popolare di Vicenza. Abbiamo fortemente voluto che il palazzo rientrasse nel sistema museale civico – ha sottolineato il sindaco Francesco Rucco -. Ora cercheremo di capire come gestire in futuro il palazzo, come è stato ribadito anche nell’ultima commissione cultura. Sono soddisfatto perché Vicenza è ripartita molto bene: l’estate ha portato in città numerosi turisti che hanno visitato i nostri musei e continuiamo con la nostra offerta di eventi tra cui ricordo il Ciclo di spettacoli classici che si è aperto lo scorso giovedì. E tutto questo fermento fa ben sperare anche in vista della candidatura di Vicenza a Capitale della cultura”.

È fondamentale fare squadra e se siamo qui oggi è perché il sistema organizzativo ha funzionato e di questo sono veramente orgogliosa – sottolinea l’assessore alla cultura Simona Siotto -. Palazzo Thiene riapre oggi in occasione delle Giornate europee del patrimonio che ricorrono il 25 e 26 settembre. Ritengo che abbiamo dato un importante segnale acquistando un immobile rinascimentale riconosciuto di eccezionale interesse culturale, tutelando così la storia della città, e restituendolo ai sui cittadini”.

La direzione musei civici ha una duplice responsabilità: la tutela del palazzo e del patrimonio costituito dalle opere d’arte che non sono attualmente di proprietà del Comune. Per questo motivo esistono dei vincoli con i proprietari e pertanto le aperture sono contingentate e da domani avverranno solo in gruppi accompagnati da guide turistiche. Durante la visita si possono notare i cartellini del fallimento affissi accanto alle opere, a testimonianza del fatto che esse non sono proprietà del Comune.

Da domenica 26 settembre, ogni sabato e domenica fino al 31 dicembre, l'accesso sarà sempre possibile esclusivamente con visite guidata su prenotazione e a pagamento programmate alle 9.30, alle 11, alle 14 e alle 15.30. La visita, con la collaborazione del gruppo guide turistiche abilitate di Vicenza e del Consorzio Vicenza è, durerà un'ora circa, avrà un costo di 6 euro e sarà gratuita fino ai 12 anni d'età.

Per prenotazioni è a disposizione l'Ufficio Informazioni e Accoglienza Turistica (Iat, aperto tutti i giorni dalle 9 alle 17.30), 0444320854, iat@comune.vicenza.it.

Saranno formati gruppi da 25 persone al massimo, nel rispetto delle normative anti Covid 19. È necessario essere in possesso di green pass.

L'ingresso al palazzo avverrà da contra' San Gaetano Thiene 11.

 

 

 

Galleria fotografica

Da sinistra: Siotto, Rucco, Passarin

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Altre notizie