Comune di Vicenza

Vicenza: città patrimonio dell'Unesco

07/11/2022

"L’insediamento del tardo Neolitico in località Le Fratte di Arcugnano"

Il 10 novembre una conferenza al Museo Naturalistico Archeologico

"L’insediamento del tardo Neolitico in località Le Fratte di Arcugnano nel quadro delle nuove ricerche nelle Valli di Fimon" è il titolo della conferenza organizzata dal Museo Naturalistico Archeologico che si terrà giovedì 10 novembre alle 20.30 nella sala dei Chiostri di Santa Corona.

Le valli di Fimon hanno attirato l’interesse di naturalisti e archeologi dalla seconda metà dell’Ottocento ai giorni nostri; i reperti provenienti dalle attività estrattive della torba durante i due conflitti mondiali e poi dagli scavi archeologici, effettuati per fini di ricerca a partire dagli anni settanta del Novecento, sono conservati al Museo Naturalistico Archeologico di Vicenza.

Durante la conferenza, evento correlato alla mostra “Palafitte e Piroghe del Lago di Fimon” (allestita nei locali del museo fino a maggio 2023 e visitabile dal martedì alla domenica dalle 9 alle 17) Elodia Bianchin Citton, già funzionaria archeologa Mibact, presenterà i risultati di un progetto interdisciplinare di ricerche e studi finalizzati ad approfondire le dinamiche del popolamento umano - dal Neolitico alla fine dell’Età del Bronzo - in una vasta area a nord del Lago di Fimon, nel comune di Arcugnano. Nel corso della conferenza saranno inoltre presentate le scoperte di rilevante interesse archeologico e naturalistico effettuate nell’abitato perilacustre della prima metà del IV millennio a.C. scoperto in località Le Fratte. Le ricerche sono state pubblicate nel volume "Nuove ricerche nelle Valli di Fimon. L’insediamento del tardo Neolitico de Le Fratte di Arcugnano", a cura di Bianchin Citton (2016, edito dalla Provincia di Vicenza).

Documenti allegati

Audio

Lun05

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Altre notizie