Comune di Vicenza

Vicenza: città patrimonio dell'Unesco

01/03/2019

Proroga del Trionfo del Colore, il commento del sindaco Rucco

“Per altri due mesi Vicenza città d'arte offrirà un'esposizione di altissima qualità”

Condividi su:
Il sindaco Rucco all'inaugurazione della mostra

Oltre 1.500 persone in un fine settimana e 3.500 studenti prenotati in pochi giorni. Questi sono i più recenti numeri relativi alla mostra “Il trionfo del Colore”, ospitata a Palazzo Chiericati e alle Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari e di cui oggi il produttore MondoMostre annuncia ufficialmente la proroga fino al 5 maggio.

“Un risultato che premia la bontà di una esposizione di altissima qualità - commenta il sindaco Francesco Rucco - voluta e realizzata con la collaborazione del Museo Pushkin di Mosca che ha messo a disposizione della nostra città 24 opere tra le più rappresentative del Settecento veneto, a completamento del percorso dedicato allo stesso periodo presente al Museo Chiericati e della collezione di Intesa Sanpaolo in esposizione a Palazzo Leoni Montanari. Un’occasione unica per approfondire un periodo artistico particolarmente prolifico, che ci ha regalato artisti del calibro di Tiepolo, Canaletto, Guardi, Pittoni. Un risultato che mette a tacere tante inutili polemiche e che segna un record per Palazzo Chiericati”.

“La proroga - conclude il sindaco - si è resa necessaria per dare risposta alle scuole e ai tour operator che ci stanno contattando e che con la bella stagione intensificano le visite alle città d’arte. Un ringraziamento è doveroso alla società MondoMostre, per l’impegno e la professionalità nella gestione della mostra, al Museo Pushkin che ha allungato il periodo di prestito delle opere, alla Soprintendenza che ha autorizzato la proroga e a Intesa Sanpaolo, che come noi crede che nella cultura quale opportunità di crescita della città”.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Altre notizie