Comune di Vicenza

Vicenza: città patrimonio dell'Unesco

Vai al contenuto. Vai alla navigazione.

Contenuto.

Vai alla navigazione. Scegli un altro sito.

24/03/2017

Flow, arte contemporanea italiana e cinese in dialogo, dal 25 marzo al 7 maggio

Nel salone della Basilica palladiana

In primo piano, a sinistra Pugliese,
a destra Bulgarini d'Elci

Dal 25 marzo al 7 maggio 2017 il salone superiore della Basilica palladiana di Vicenza ospita Flow arte contemporanea italiana e cinese in dialogo, un evento nel quale l'arte contemporanea si fa strumento di comprensione e interrogazione reciproca fra le due culture. Flow è un'occasione di scoperta e la seconda tappa di un work in progress avviato con la prima edizione tenutasi nel 2015, che ha affermato il desiderio e la necessità diffusi di trovare canali di comunicazione fra Italia e Cina che avvicinino in modo efficace e fertile i due mondi. In breve: l'occasione di un dialogo vero.

La mostra è organizzata da Associazione Culturale YARC in collaborazione con l'assessorato alla crescita del Comune di Vicenza, con il sostegno dell'Istituto Confucio di Venezia e il patrocinio della Regione Veneto.

Erano presenti oggi alla vernice della mostra il vicesindaco e assessore alla crescita Jacopo Bulgarini d’Elci e Maria Yvonne Pugliese, co-curatrice dell’esposizione. Erano presenti anche alcuni artisti: Dania Zanotto, Arthur Duff, Simone Crestani, Francesco Candeloro e Giovanni Morbin.

La Basilica palladiana dimostra di essere uno spazio capace di parlare linguaggi contemporanei– ha dichiarato il vicesindaco e assessore alla crescita Jacopo Bulgarini d'Elci -. Le opere esposte nella mostra Flow sono l’esempio di come artisti provenienti da culture differenti riescono a creare un dialogo; a questi artisti abbiamo abbiamo voluto concedere lo spazio del salone al piano superiore che l’attuale allestimento è riuscito a valorizzare in modo suggestivo. La Basilica è “solenne e maestosa” come si legge nella lapide che ricorda il bombardamento avvenuto nella Seconda guerra mondiale e che ha distrutto la copertura a carena di nave rovesciata. E nonostante questa definizione è in grado di accogliere le più disparate realtà. Mi piace immaginare la Basilica è come un vascello che conduce all’incontro di mondi differenti”.

Flow presenta 24 artisti e 28 opere selezionati fra Italia e Cina che interpretano gli strumenti e i punti di vista più diversi. Performance live, ceramica, plexiglas, neon, lana, passando per carta e tela e arrivando alle tecnologie digitali e a composti di uso comune completamente rivisitati, come liquidi antigelo e profilati in alluminio, per fare alcuni esempi: ogni materia diventa forza viva nelle mani e nella mente di ciascun artista.

I curatori, Maria Yvonne Pugliese e Peng Feng, hanno lavorato sul valore essenziale proprio di ogni opera d'arte, affermando in questa mostra la priorità dell'oggetto rispetto alla sua interpretazione critica. Gli artisti italiani e cinesi invitati ad esporre presentano ciascuno una o più opere e esprimono la loro poetica in assoluta libertà, contando su uno spazio espositivo aperto, senza vincoli, dove ogni lavoro dialoga direttamente con tutti gli altri, con gli oltre 1000 metri quadrati della monumentale Basilica, simbolo della città berica, e con la luce che filtra dai 14 finestroni e illumina lo spazio sormontato dall'inconfondibile soffitto a carena, dall'aspetto simile a una nave rovesciata.

Le opere d'arte contemporanea cinese si collocano accanto, di fronte, di fianco alle opere italiane offrendo al visitatore un contrasto stimolante che rende evidente la particolarità di ogni scelta: perché quella tecnica?, perché un video anziché una tela?, perché il colore o il non colore?, perché ciascuno è diverso, se è diverso davvero?. Flow provoca domande a cui ciascuno è libero di dare una risposta e, nel farlo, è libero di avvicinarsi a una cultura altra che diventa controparte di un dialogo autentico e, allo stesso tempo, occasione di imparare qualcosa di nuovo su di sé.

Per agevolare l'incontro fra il visitatore, al centro dell'attenzione dei curatori, e gli artisti, Flow ha creato due canali supplementari. Il primo è il video originale autoprodotto nel quale ciascun artista racconta il percorso di idee e di azioni che lo ha portato a realizzare quella particolare opera, il cui contenuto, rielaborato in forma scritta, è riportato anche sul catalogo.

Il secondo è FlowTalk, l'incontro su invito che inaugura la mostra venerdì 24 marzo e che vede protagonisti i filosofi Marcello Ghilardi e Riccardo Caldura – quest'ultimo anche critico d'arte – chiamati ad approfondire il senso della parola cardine di Flow, dialogo, per come si dipana nella cultura cinese e nella cultura italiana e occidentale. Il video di FlowTalk verrà proiettato ogni giorno e reso quindi disponibile a tutti i visitatori in ogni momento.

Alcuni spunti di FlowTalk tratti dal catalogo Flow 2017 edito da Diogene Multimedia:

'Siccome ogni contenuto specifico assume la sua fisionomia a partire dallo sfondo da cui emerge, non può indagare lo sfondo da cui trae le proprie risorse di senso – proprio come un occhio non può vedere se stesso. Per questo è decisivo l’esercizio del dialogo, del confronto con l’altro. È solo a partire da questo confronto che ciascun partecipante al dialogo può scoprire il proprio impensato: ciò a partire da cui pensa, e che non sa di non pensare.' (Marcello Ghilardi, ricercatore in Estetica all'Università di Padova)

'La lingua non è affatto uno strumento ‘neutro’ della comunicazione, da imparare come se si trattasse di istruzioni per l’uso di un qualsivoglia dispositivo, ma il veicolo principale di orizzonti culturali estremamente complessi. L’incremento delle relazioni e degli scambi internazionali nei più diversi ambiti, mette in evidenza come la questione della reciproca comprensione, del dialogo, non possa essere solo una comunicazione di ‘propri’ contenuti culturali, ma anche dei ‘limiti’ di quei contenuti, così da aprire uno spazio aperto ulteriore.'

(Riccardo Caldura, critico d'arte, curatore e docente di Fenomenologia delle Arti Contemporanee e Beni Culturali dell'Età Contemporanea presso l'Accademia di Belle Arti di Venezia).

Il primo evento speciale di Flow si terrà domenica 26 marzo alle 18: la performance 'Concerto a Perdifiato' dell'artista Giovanni Morbin, originario di Valdagno (Vicenza), vedrà all'opera una orchestra sui generis, senza un direttore e non composta da musicisti ma da 21 volontari che suoneranno un unico, inedito, strumento. L’azione in cui Morbin vuole coinvolgere tutti è il parlare con se stessi, nel duplice aspetto dell’atto: quello serio e profondo della riflessione introspettiva e quello bizzarro e un po’ goffo del parlare da soli. Lo strumento a perdifiato, ideato dall’artista come un canale circolare d’ottone in cui il suono viaggia dalla bocca all’orecchio del performer, amplifica quello che quotidianamente facciamo senza pensarci: dialogare con noi stessi.

Gli artisti italiani invitati: Bertozzi&Casoni, Francesco Candeloro, Simone Crestani, Arthur Duff, Angelo Formica, Piero Gilardi. Franco Ionda, Enrico Iuliano, Eva Marisaldi, Giovanni Morbin, Margherita Morgantin, Roberto Pugliese, Cristina Treppo, Dania Zanotto.

Gli artisti cinesi invitati: Aniwar Mamat, Bu Hua, Chao Brothers, Cui Xiuwen, Geng Xue, Li Binyuan, Li Wei, Shang Yang, Tian Xiaolei, Yuan Gong.

Con la partecipazione di ASLC Progetti per l'Arte, Galleria Bonelli e EGG Gallery.

Vernissage e FlowTalk (su invito): venerdì 24 marzo

Apertura al pubblico: sabato 25 marzo

Performance Giovanni Morbin: domenica 26 marzo ore 18

Giorni e orari di apertura al pubblico: dal giovedì alla domenica, dal 25 marzo al 7 maggio;

giovedì dalle 17 alle 21

venerdì dalle 17 alle 22

sabato dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 22

domenica dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 21

 

Biglietto di ingresso intero euro 7 (con cui si può accedere anche alla terrazza)

Biglietto ridotto 5 per studenti all'interno di scolaresche organizzate

Biglietto gratuito per persone con disabilità e accompagnatore, bambini sotto i 14 anni accompagnati dai genitori

Informazioni: www.mariayvonnepugliese.it

Documenti allegati

Galleria fotografica

Ingresso, foto Lorenzo Ceretta Interno, panoramica, foto Lorenzo Ceretta In primo piano opere di Francesco Candeloro Quotidiani Movimento (Kassel), 2010, Stampa UV e taglio laser su  plexiglas, cm 187 x 145 x 204, e Attraverso i Segni (Londra), 2010, Stampa UV e taglio laser su plexiglas, cm 146 x 180 x 205, foto di Lorenzo Ceretta. Panoramica, foto Lorenzo Ceretta Arthur Duff, Scatter / Cadaver, 2016, proiezione laser verde 5W sul soffitto dettaglio opera Chao Brothers, Cercare il DAO_108, 2014, terracotta, cm100x45x50 in primo piano Simone Crestani, Tensione estetica, 2017, vetro, lastra in ferro, cemento e corde, cm 200x50x155, foto Lorenzo Ceretta. In primo piano Franco Ionda, Soglia di Pericolo, 1990, legno ed alluminio, cm 82x 450x 10,5 ciascuna. In primo piano Dania Zanotto, My EarthMy Heart, elogio alle Terre dei Fuochi Nord, 2016-2017, feltro, pelle, lana, piombo, foto su plexiglas, misure variabili, foto Lorenzo Ceretta foto Lorenzo Ceretta opera di Roberto Pugliese, Fluide propagazioni alchemiche, 2014, installazione sonora, foto di Lorenzo Ceretta opera di Cristina Treppo, PavimentoSgabello, 2016, ferro, legno, carta, vernice, cm 46,5 x 210 x 175 (ciascun elemento di 46,5 x 35 x 35 cm) , foto di Lorenzo Ceretta Li Binyuan, Long Jump, 2015, single channel video, foto Lorenzo Ceretta Enrico Iuliano, RGB, ferro, liquido antigelo, suoni cimatici, cm 89 x 58 x 300/360,foto Lorenzo Ceretta panoramica, foto di Lorenzo Ceretta panoramica, foto Lorenzo Ceretta. Giovanni Morbin 'Strumento a Perdifiato' 2017 opera di Li Wei 'Sposa dai piedi di loto', 2015, video, foto di Lorenzo Ceretta opera di Shang Yang 'Remnant Mountain' (Quel che resta della montagna), 2011-2013, tecnica mista su tela, 270x1403 cm 21, foto di Lorenzo Ceretta in primo piano Piero Gilardi, Ecoagorà, 2015, installazione con struttura di legno e accessori vari, diametro m 4,20, altezza m 1,20, foto di Lorenzo Ceretta in primo piano Piero Gilardi 'Ecoagorà' sullo sfondo Shang Yang 'Remnant Mountains', foto Lorenzo Ceretta opera di Shang Yang Remnant Mountains  (Quel che resta della montagna), 2011-2013, tecnica mista su tela, 270x1403 cm, foto di Lorenzo Ceretta opera di Margherita Morgantin, MAI, 2016, testo e profilati in alluminio, foto di Lorenzo Ceretta panoramica, foto di Lorenzo Ceretta panoramica, foto di Lorenzo Ceretta opera di Cui Xiuwen, Reincarnation No. 11,  acrylic on canvas, cm 180 x 280, foto di Lorenzo Ceretta. In primo piano, a sinistra Pugliese, a destra Bulgarini d'Elci Pugliese Bulgarini d'Elci

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Altre notizie


Musei Civici Vicenza - Museo civico di Palazzo Chiericati, Piazza Matteotti 37/39 Vicenza - tel. (+39) 0444 222811 - museocivico@comune.vicenza.it

Torna al contenuto. Torna alla navigazione. Scegli un altro sito.